I FIRMATARI DELLA COSTITUZIONE - Enrico De Nicola

La Costituzione italiana è firmata il 27 dicembre 1947. Ad apporre la loro firma ci sono Enrico De Nicola, Capo provvisorio dello Stato eletto dall’Assemblea Costituente, Umberto Terracini, Presidente dell’Assemblea Costituente, e Alcide De Gasperi, capo del governo.

Chi erano questi uomini? Perché si ritrovarono proprio loro a firmare la Carta e non altri eminenti esponenti politici dell’epoca, come Vittorio Emanuele Orlando o Francesco Saverio Nitti?

Nel caso di Enrico De Nicola, avvocato penalista napoletano con una consolidata carriera politica alle spalle, il suo nome a Capo provvisorio dello Stato è frutto di un compromesso tra destre e DC (i quali avrebbero preferito Orlando) e tra sinistre e laici (che avevano proposto Benedetto Croce). Il nome di De Nicola è sempre associato a un comportamento retto, onesto, morigerato quasi ai limiti del bizzarro. Anche nelle occasioni ufficiali indossa un cappotto rivoltato ed è solito pagare quasi tutto di tasca propria, poiché non trova giusto spendere per sé i soldi dei contribuenti. Arriva persino a rinunciare allo stipendio di 12 milioni di lire che gli spetta.

Di matrice liberale e dichiaratamente monarchico, è eletto Capo provvisorio dello Stato il 28 giugno 1946. La scelta ricade su De Nicola non solo perché punto di incontro tra fronti politici diversi, ma anche perché c’è bisogno di individuare un nome meridionale da porre accanto alle due massime cariche dello Stato all’indomani del referendum del 2 giugno. Alcide De Gasperi, al governo, è infatti trentino, mentre il primo Presidente dell’Assemblea Costituente, Giuseppe Saragat, è piemontese. Il bisogno di una figura meridionale deriva anche dal fatto che nel Sud Italia ha vinto la monarchia: c’è quindi bisogno di individuare la persona più adatta che possa ispirare un orgoglio repubblicano anche a sud di Roma.

Quando è eletto, De Nicola ha 69 anni ed è celebre principalmente per il suo rifiuto alle proposte di candidatura: ha infatti rifiutato quattro volte la presidenza del Consiglio, una nomina a senatore, una elezione a deputato e una poltrona a sindaco di Napoli. Alle prime avvisaglie della sua elezione fugge quindi da Roma e si rintana nella sua casa a Torre del Greco. Saragat prova a telefonargli, ma sarà De Gasperi a trovarlo e a comunicargli la vittoria.

Il giorno del giuramento, il 1° luglio, la giornata è afosa e tutti attendono al caldo e sotto al sole De Nicola, il quale arriva con un’ora di ritardo a bordo della sua auto, dopo aver liquidato la scorta alle porte di Roma.

Consapevole del carattere temporaneo del suo ruolo, sceglie di non vivere al Quirinale, imponente palazzo che ha ospitato in passato papi e re: preferisce il buio e angusto Palazzo Giustiniani.

Sarà proprio la Sala della Biblioteca di quel Palazzo a ospitare la firma della nostra Costituzione.

Sala Stampa

15/06/2018

In occasione del 70° Anniversario della...

08/06/2018

La mostra itinerante, promossa dalla...

22/05/2018

In occasione del 70° Anniversario della...

Per le Scuole

Sei un docente di scuola primaria o secondaria? Scrivici per ricevere tutte le informazioni sulla mostra della tua città!